Il programma del Fuck Normality Festival 2019

Il programma del Fuck Normality Festival 2019

Sperimentazioni elettroniche, disco faville, synth e drum machine, bassoni dal futuro, jazz, soul e suoni old school: tutto questo e molto di più sarà il nuovo Fuck Normality Festival il 16 agosto 2019 al Sudestudio. Uno dei pochi appuntamenti fissi musicali rimasti dell’agosto salentino e proprio per questo sempre più carico di aspettative.

Questa sarà forse l’edizione più dance, con molte più consolle e meno strumenti classici. Tanti ,come sempre, gli ospiti internazionali, a partire dal parigino Jeremy Guindo,  in arte Bambounou cresciuto sulla 50Weapons dei Modeselektor e fresco di ep su Whities. Un personaggio difficile da classificare che ama pescare dalle scene di Chicago, Detroit e Londra attraversando dubstep, footwork e techno.

Altro nome caldo della notte è quello delle star Tiger & Woods, il duo di producer Larry Tiger e David Woods – al secolo Valerio Del Prete (Delphi, per quelli che sanno) e Marco Passarani – che con i loro “remix” hanno sbancato in mezzo mondo. Due geni dell’edit tra disco, italo, house e boogie.

Lanciato verso l’olimpo europeo, fa tappa al Sudestudio anche Capibara, che con il suo disco Omnia (su Tempesta Rec.) ha conquistato tantissimi cuori. Suoni i suoi che richiamano soprattutto la sua città, Roma, e tantissimi spunti originali che guardano al futuro.

Si riassaporano, invece, gli anni 80 con i ritmi, percussioni, sintetizzatori e drum machine di Lamusa II, nome d’arte di Giampaolo Scapigliati, produttore italiano di musica elettronica e dj di stanza a Parigi e reduce dalla Red Bull Music Academy di Montréal; mentre si viaggia in oriente con le suggestioni persiane e l’elettronica elegante dei milanesi NAVA.

L’apertura del festival è affidata a Boonbooze, cultore del campionamento analogico che oscilla tra diversi generi musicali, dal jazz al soul per produrre esperimenti nell’ hip hop e nell’elettronica. Si chiude, infine, all’alba con l’acid e il funk di Marco Erroi, co-fondatore di Common Series.