Sei film da non perdere alla Festa di Cinema del Reale 2017

Sei film da non perdere alla Festa di Cinema del Reale 2017

19 luglio 2017 – ore 00:20 – Castello Risolo
Station to station
di Doug Aitken

Nell’estate del 2013, un treno disegnato come una scultura di luce dall’artista americano Doug Aitken ha attraversato nell’arco di 24 giorni gli Stati Uniti da New York a San Francisco. Fermandosi in 10 stazioni lungo il percorso, ha ospitato una serie di happening, ognuno dei quali unico ed originale data la location speciale e il mix creativo dei partecipanti. Ritratti, momenti intimi, conversazioni, contributi artistici e performance si alternano nel film: come le parole dell’artista Ed Ruscha che descrive le scoperte che si possono fare nel grande paesaggio americano; al concerto di Beck con un coro gospel nel Mojave Desert; o ancora la riflessione di Jackson Browne sull’influenza della ferrovia nella sua musica. Caleidoscopio di esperienze artistiche diverse, Station to Station è anche una storia partecipata dei processi e dell’evoluzione della cultura creativa.

1imnotyournigroweb

19 luglio 2017 – ore 22:45 – Schermo Pazzo
I am not your negro
di Raoul Peck

Raccontato interamente con le parole di James Baldwin, attraverso il testo del suo ultimo progetto letterario rimasto incompiuto, “I am not your negro” tocca le vite e gli assassini di Malcom X, Martin Luther King Jr. e Medgar Evers per fare chiarezza su come l’immagine dei neri in America venga oggi costruita e rafforzata.

1wetheworkersweb

20 luglio 2017 – ore 22:50 – Castello Risolo
We, the workers
di Huang Wenhai

Girato nell’arco di sei anni (2009-15), nel cuore industriale della Cina meridionale, importante centro della catena di fornitura globale, questo film segue i sindacalisti, che supportano le rivendicazioni dei lavoratori, al punto da aiutarli a negoziare con funzionari locali e proprietari di fabbriche su salari e condizioni di lavoro. Le minacce, gli attacchi, la detenzione e la noia diventano parte della loro vita quotidiana in quanto lottano per rafforzare la solidarietà dei lavoratori di fronte alle minacce e alle pressioni della polizia e dei loro datori. Nel processo, nelle loro parole e nelle loro azioni l’emergere della coscienza della nascente classe operaia e del movimento operaio in Cina.

1liberamiweb

21 luglio 2017 – ore 23:00 – Castello Risolo
Liberami
di Federica Di Giacomo

Un film sul ritorno dell’esorcismo nel mondo contemporaneo. Il nostro mondo. Ogni anno sempre più persone chiamano “possessione” il loro malessere, in Italia, in Europa, nel mondo. La Chiesa risponde all’emergenza spirituale nominando un numero crescente di preti esorcisti ed organizzando corsi di formazione. Padre Cataldo è un veterano, tra gli esorcisti più ricercati in Sicilia e non solo, celebre per il carattere combattivo ed instancabile. Ogni martedì Gloria, Enrico, Anna e Giulia seguono, insieme a tantissimi altri, la messa di liberazione di padre Cataldo e cercano la cura ad un disagio che non trova risposte né etichette.
Fino a dove ognuno di noi, credente o meno, è disposto ad arrivare purché qualcuno riconosca il nostro male? Cosa siamo disposti a fare per essere liberati qui ed ora? È la storia dell’incontro fra la pratica esorcista e la vita quotidiana dove i contrasti tra antico e contemporaneo, religioso e profano, risultano a tratti inquietanti a tratti esilaranti. Un film non sulla religione ma su come la religione può essere vissuta.

mr gaga

21 luglio 2017 – ore 21:30 – Castello Risolo
Mr.Gaga
di Tomer Heymann

Ohad Naharin è uno dei coreografi più importanti ed innovativi al mondo, conosciuto a livello internazionale per aver creato il linguaggio di movimento corporeo chiamato “Gaga”. Classe 1952, nato e cresciuto in un kibbutz, Naharin viene raccontato a partire dai suoi primi passi di danza attraverso filmati di repertorio che lo vedono esibirsi già giovanissimo e momenti di vita privata insieme con la sua famiglia. L’acclamato documentarista Tomer Heymann ha costruito un ritratto viscerale di Mr. Gaga: dagli esordi, alle prime esibizioni sulla scena internazionale con Martha Graham e Maurice Béjart, fino al passaggio al lavoro di coreografo, coronato dalla nomina a direttore artistico della Batsheva Dance Company, compagnia di danza israeliana di fama mondiale. Attraverso immagini di repertorio, estratti mozzafiato sul palcoscenico e riprese inedite delle lezioni con i suoi danzatori, il film, vivace, penetrante e contagioso, conduce il pubblico nel mondo di Mr Gaga. Figura di grande integrità, animata da una visione unica e straordinaria della danza e della vita.


1lanaturadellecoseweb

22 luglio 2017 – ore 21:15 – Castello Risolo
La natura delle cose
di Laura Viezzoli

Questa è la storia di un accanimento registico, ma anche di un’amicizia intergenerazionale tra una regista di 35 anni e un filosofo di 70, un’esplorazione dell’io e del tu, e di quel confine tutto individuale e poco rispettato, del vivibile e dell’invivibile. “Ho incontrato Angelo Santagostino per la prima volta nel Luglio 2013 quando era già gravemente malato di SLA. Un corpo completamente immobile, se non per gli occhi, così intelligenti, vivaci e desiderosi di comunicare”. La SLA tocca e si vede in tutta la sua crudeltà in pochi ma scultorei momenti di vita quotidiana, per dimenticarla di volta in volta nel dialogo che diventa un altrove, la dimensione dell’incontro e dell’esplorazione. Nel confronto dialettico Angelo non è un malato di cui avere pietà ma un’astronauta in missione che esplora i limiti dell’umano, interrogandosi ed interrogando lo spettatore con la passione di chi ama la vita ma sa di doverla lasciare a breve. L’immobilità del corpo è solo un punto di partenza per esplorare la vivace mobilità della mente, ed è su questo ipnotico contrasto che si muove visivamente l’intero film. Un viaggio tra le luci e le ombre dell’animo umano per prendere coscienza dei propri limiti e ribadire il valore sacro dell’ascolto e del libero arbitrio.