Teatro dei Luoghi Fest 2018: Chiara Guidi
14 lug
sabato
€ 8 (ingresso unico)

Teatro dei Luoghi Fest 2018: Chiara Guidi

Il festival del Teatro Koreja è dedicato quest’anno allo scrittore Alessandro Leogrande, recentemente scomparso. Dal 14 luglio al 14 settembre il teatro è in festa: 14 giorni, 11 compagnie, 1 nuova co-produzione, 4 progetti di comunità, 2 spettacoli di danza, 1 mostra fotografica e incontri internazionali; 13 luoghi coinvolti in 4 comuni salentini, 3 Paesi fra Italia, Albania e Kossovo per un festival multidisciplinare e transnazionale che terminerà con un grande protagonista del teatro contemporaneo.

OGGI // QUI IL PROGRAMMA COMPLETO

Si parte con una serata al femminile. Alle ore 21.00 la danza di Francesca Foscarini accoglierà gli spettatori al Museo Castromediano con GOOD LACK, un trittico di soli che si compone di Back Pack, John Tube e Let’s Sky, tre quadri indipendenti ma legati tra loro.

A seguire, alle ore 22.15 ci si sposterà nel cuore del centro storico cittadino dove le suggestive rovine del Teatro Romano faranno da cornice a LETTERE DALLA NOTTE, una raccolta di testi di Nelly Sachs, una delle voci poetiche più appartate e potenti del Novecento, premio Nobel nel 1966, e ora riscoperta da Chiara Guidi in collaborazione con Elena Di Gioia.
Per incontrare Nelly Sachs, grazie alla traduzione di Anna Ruchat (per Giuntina) e alla musica eseguita dal vivo dall’autore Natàn Santiago Lazala, Chiara Guidi darà voce non solo ad alcuni testi epistolari tratti da Lettere dalla notte, ma anche a una parte del carteggio che ebbe tra il 1954 e il 1969 con una delle voci più intense della poesia, Paul Celan, con cui condivise la condizione di esule dalla storia e dalle ferite del Novecento. Fondatrice con Romeo e Claudia Castellucci della Socìetas Raffaello Sanzio, oggi Societas, la Guidi ha sviluppato una personale ricerca sulla voce come chiave drammaturgica nel dischiudere suono e senso di un testo, ma anche come corpo, azione, disegno, rivolgendo la propria tecnica vocale sia a produzioni per un pubblico adulto, sia elaborando una specifica concezione di teatro d’arte infantile.

Nella messa in scena dello spettacolo, Chiara Guidi prevede la formazione di un coro cittadino di voci, ogni volta raccolto nella città ospitante, cui consegnare alcune poesie dell’autrice. Nel teatro Romano saranno 70 i cittadini di tutte le età partecipanti al progetto che contribuiranno a dare voce concreta allo spirito di Nelly Sachs.